Il servizio cristiano

Leggendo alcuni capitoli del libro di Ezechiele, in particolare il 13 e 22, notiamo come il Signore si muove contro i profeti stolti del Suo popolo; molto significative anche le parole di Gesù in Matteo 7:21-23: “Non chiunque mi dice: Signore, Signore! entrerà nel regno dei cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. Molti mi diranno in quel giorno: “Signore, Signore, non abbiamo noi profetizzato in nome tuo e in nome tuo cacciato demòni e fatto in nome tuo molte opere potenti?” Allora dichiarerò loro: “Io non vi ho mai conosciuti; allontanatevi da me, malfattori!”.

Questo ci pone a fare una considerazione molto semplice: non è il ruolo che uno esercita nel servizio cristiano a renderlo un “reale servitore”, ma l’attitudine del cuore. Purtroppo anche oggi come ai tempi degli antichi profeti si corre il rischio di amare più la creatura che il creatore (Romani 1:25)… tenere in considerazione più l’oro del tempio… che il tempio che santifica l’oro (Matteo 23:17). In altre parole… applicare i criteri umani all’Opera del Signore! Si assiste quasi ad una mercificazione del cristianesimo… e come ai tempi di Gesù… il Tempio è pieno di mercanti. Come popolo di Dio, seguiamo l’esempio del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo:

“il Figlio dell’uomo non è venuto per essere servito ma per servire e per dare la sua vita come prezzo di riscatto per molti” (Matteo 20:28)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...